Opererà per prevenire bullismo e abuso di alcool l’Operativa di strada, il servizio educativo della cooperativa Labirinto sulla prevenzione del disagio giovanile

“Operativa di strada”, il servizio educativo di prevenzione del disagio attraverso la promozione di comportamenti positivi basati sul gioco, la creatività, l’apprendimento, impegna da anni gli operatori di Labirinto in un lavoro con giovani e adolescenti in quella fascia dell’hinterland pesarese che va da Borgo Santa Maria a Vallefoglia e a Tavullia, in particolare B.S. Maria, Osteria Nuova, Montelabbate, Montecchio, Bottega Di Colbordolo, Morciola, Montefabbri, Padiglione, Rio Salso

Si tratta di insediamenti popolari in gran parte sviluppatisi negli ultimi decenni con la crescita del settore del mobile, in cui, con il protrarsi della crisi economica, si sviluppano dinamiche sociali di tensione e disagio, come rileva anche il recente programma governativo SIA (Sistema di Inclusione Attiva), rivolto a famiglie in situazione di particolare indigenza che proprio a Borgo Santa Maria ha individuato una parte significativa dei casi problematici su cui intervenire.
Un anno fa il Consiglio di Quartiere di Borgo Santa Maria ha chiesto agli assessorati alle politiche sociali e alle politiche giovanili di intervenire su emergenti situazioni problematiche tra gruppi di giovani.
Nasce così il “progetto adolescenti” che dal 17 febbraio scorso vede un nuovo sportello di accoglienza, informazione e presa in carico delle problematiche di giovani e delle loro famiglie e che affianca il centro di aggregazione “La miniera”, frequentato ogni giorno da una cinquantina di giovani, portato avanti in collaborazione con il Ceis, l’Asur e con l’Operativa di strada gestita da Labirinto che, come dice il suo stesso nome, non opera al chiuso di una struttura, ma è in prima linea al fianco dei giovani nei luoghi, molto spesso informali, in cui essi si incontrano.

L’operativa di strada ha messo in cantiere un ambizioso programma per il 2017 che vede tra l’altro:
• Corso e laboratori di cinematografia rivolti ai ragazzi ed aperti, una volta al mese, a tutta la cittadinanza 
• Orto sinergico e orto sospeso, in collaborazione con il centro socio culturale Parco dei Tigli e l’associazione Biricoccolo
• Festa di carnevale e visite a carnevali pittoreschi della provincia 
• Aperitivi informativi su lavoro, opportunità all’estero per i giovani, borse lavoro e tirocini
• Laboratori di autoproduzione
• Partecipazione, progettazione e collaborazione agli eventi Pozzo Pazza Estate e Zoemicrofestival.

Un’equipe multidisciplinare, un sito e un gruppo WhatsApp sono gli strumenti di comunicazione approntati dall’Operativa di strada per perseguire questi obiettivi.

Il nuovo sportello del “progetto adolescenti” sarà aperto tutti i lunedì e giovedì dalle ore 18,30 alle 24, nell’ex Oratorio, mentre l’Operativa di strada ne proporrà i servizi in giro per il quartiere con quattro operatori.