Cooperativa

Una cooperativa al femminile per tutto l’anno

È un luogo comune che si sente ripetere spesso nel mese di marzo quello che la giornata della donna andrebbe celebrata durante tutto l’anno. Labirinto cerca di trasformare questo luogo comune in una buona prassi quotidiana. Sono infatti 753 le lavoratrici, in gran parte socie, presenti nell’organico della cooperativa e che costituiscono quasi l’80% del personale occupato.

È un fenomeno comune a tutto il Terzo settore che a livello nazionale conta 636.171 lavoratrici, ovvero oltre il doppio dei lavoratori uomini (313.830), mentre il 55% delle organizzazioni aderenti al Forum del Terzo settore sta portando avanti progetti che promuovono l’eguaglianza di genere.

Nell’ultimo anno Labirinto ha assunto 128 lavoratrici e ha registrato 12 trasformazioni dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato. Sono i numeri di una cooperativa al femminile che dal 2015 vede una donna alla presidenza, e che cerca di mantenere alta l’attenzione sull’uguaglianza di genere; che non teme di assumere donne in età fertile: il 40% delle lavoratrici ha meno di 40 anni e 22 hanno usufruito dell’aspettativa per maternità nel corso dell’ultimo anno.

Non è quindi un caso che la cooperativa, così attenta alle tematiche “di genere”, annoveri tra i numerosi servizi che gestisce il centro antiviolenza “Parla con noi” e la “Casa di emergenza” per donne vittime di violenza, che possono vantare storie di “superamento”: donne che si sono liberate dalla violenza, che hanno ripreso in mano la propria vita, che hanno conquistato autonomia e stabilità, a testimonianza che dalla violenza si può uscire.