Il settore migranti della Labirinto e il gruppo musicale “Soul” ospiti negli studi di San Marino RTV

Un anno e mezzo fa, da una proposta di Ingrid Betancour, in visita nelle strutture di prima accoglienza profughi di Pesaro, e grazie all’impegno della Cooperativa Sociale Labirinto, è nato il progetto musicale Soul – suoni di vite underground, che ha coinvolto la Fondazione Betancour e 40 persone tra beneficiari dei servizi Labirinto e cooperatori.

Il progetto ha dato vita al gruppo “Soul: sono in nove, sette uomini e due donne, e stanno lavorando alla produzione di un album di inediti che racconti, nella loro lingua e tradizione orale, le loro storie. Finora hanno composto 12 pezzi musicali con relativi testi, tra cui “Non è facile, non è difficile”, presentato il 9 febbraio negli studi di San Marino RTV.

“Progetti culturali come questo sono importanti al fine di agevolare l’integrazione e l’inclusione. Questo è il primo progetto musicale realizzato in Italia da richiedenti asilo” - sottolinea Cristina Ugolini, responsabile del settore migranti della Labirinto.

Tra gli strumenti musicali utilizzati dai “Soul” ne spicca uno molto antico, difficile da suonare e formato da 22 corde, la “Kora”, che si tramanda da padre in figlio. La “Kora” è tuttora usata dai cantastorie di una parte dell’Africa, Gambia e Mali, ed è arrivata in Italia attraversando il Mediterraneo su un barcone insieme ai profughi.

La trasmissione è andata in onda domenica 19 febbraio alle ore 18.30 su San Marino RTV, canale 73 del digitale terrestre e 520 di sky.

Consorzio Sociale Santa Colomba

polisportiva millepiedi Pesaro