Restare vicino agli utenti ed essere supporto, incoraggiamento e sostegno a famiglie e caregiver mantenendo la relazione grazie alla piattaforma di messaggistica Whatsapp.

Al Centro Diurno Margherita nasce “Accorciamo le distanze #Margherita”, progetto dedicato alle famiglie e agli utenti per continuare a connettersi e incontrarsi durante la chiusura del centro, misura precauzionale messa in atto per prevenire e ridurre il contagio da covid-19.

L’obiettivo di “Accorciamo le distanze #Margherita” è accompagnare le giornate delle persone che frequentano il Centro e dei loro cari, i caregiver familiari e non, offrendo loro supporto, incoraggiamento, sostegno. La sospensione delle attività rischia infatti di gravare ancora di più sulle spalle di chi ogni giorno si prende cura delle persone fragili, ma i nuovi strumenti di comunicazione oggi possono diventare l’occasione per creare un ponte di relazione, di incontro e di vicinanza.

La chat di Whatsapp attivata dagli operatori del Centro Margherita, e che al momento conta 60 familiari, diventa lo strumento per instaurare, seppur a distanza, un dialogo cooperativo, un collegamento invisibile dove il sentire presente, la vicinanza dell’altro continua senza interrompersi, contrastando così il senso di distanza, “di abbandono”.
 
Gli operatori incontrano virtualmente le famiglie in due momenti della giornata, uno alla mattina e l’altro nel pomeriggio, e offrono loro una sorta di continuità terapeutica-educativa sotto forma di brevi attività, suggerimenti, consigli e pensieri.  
Tra le indicazioni giornaliere si inseriscono la proposta di cucinare insieme e pubblicare sulla chat foto delle mani in pasta, gli inviti ad assaporare i ricordi condividendo vecchie fotografie in bianco e nero, consigli di ascolto di brani musicali colonne sonore significative per l’utente, riflessioni sull'importanza delle parole, il potere dell'immaginazione, qualche sessione video di ginnastica e tanto altro ancora. 
Le attività proposte e raccolte nella chat saranno la base per riprendere il lavoro con gli utenti quando sarà possibile rincontrarsi e stare di nuovo insieme al Margherita.
 
Per le famiglie e i loro cari che sono impossibilitati a partecipare al progetto, sarà attivata una rete di contatti telefonici due o tre volte la settimana. In questo modo sarà comunque possibile mantenere viva la relazione e la comunicazione ed essere vicini a utenti e familiari, condividendo pensieri, bisogni e stati d’animo emergenti.
 

Consorzio Sociale Santa Colomba

polisportiva millepiedi Pesaro