Il 7 giugno ha riaperto Si Lo So – Officina delle Storie, il punto vendita nato dalla collaborazione tra vari soggetti che operano nell’economia sociale.

Il 7 giugno Si Lo So – officina delle storie, punto vendita della filiera sociale nel borgo fortificato di Gradara, è divenuto un luogo di incontro tra tutte le realtà che stanno dietro i prodotti che vengono esposti nel punto vendita.

Operatori e utenti di Casa Giona, Scuola di Viale Trieste, Il Gabbiano, Centro Margherita di Casinina, Pegaso, Il Mosaico, Movimh si sono incontrati nel teatro di Gradara, confrontandosi con altri protagonisti del progetto come la cooperativa Mondo Solidale e la “Casa della gioventù” di Senigallia, dove un “punto lavoro” ospita 6 persone disabili in borsa lavoro che con grande autonomia producono gli oggetti che sono sugli scaffali del punto vendita.

Luca Pazzaglia, responsabile del settore disabilità adulta di Labirinto ha evidenziato l’importanza assunta da questa esperienza che coinvolge i centri educativi della cooperativa in un’attività comune, in cui ognuno porta i suoi percorsi e le sue specificità.
L’attiva partecipazione dei diversi centri, che hanno inserito la presenza nel punto vendita tra le proprie attività educative, consente inoltre quest’anno di aprire “Si lo so” in un orario molto più esteso ed articolato che negli anni passati.

All’incontro hanno partecipato anche i due borsalavoristi del progetto Spingipesaro che da alcuni mesi stanno lavorando sul tema della commercializzazione dei prodotti dei centri educativi e che, data la natura del progetto Si Lo So, hanno condiviso le fasi di lavorazione di ogni prodotto nei diversi laboratori.

A loro si deve il nuovo sito www.siloso.org che più che una vetrina di prodotti è un intreccio di storie ed esperienze.
In quella che è stata forse la sua prima uscita pubblica ufficiale, il neoeletto Sindaco di Gradara. Filippo Gasperi, ha visitato il negozio portando i saluti dell’amministrazione comunale che da tre anni sta sostenendo il progetto.