Sabato 24 giugno associazioni del territorio, laboratori, giochi e un aperitivo condiviso per celebrare la XXIII Giornata Mondiale del Rifugiato.

L’articolo 1a della Convenzione di Ginevra del 1951 definisce lo status di rifugiato: “chi temendo a ragione di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per le sue opinioni politiche, si trova fuori del Paese di cui è cittadino e non può o non vuole, a causa di questo timore, avvalersi della protezione di questo Paese; oppure chi, non avendo cittadinanza e trovandosi fuori del Paese in cui aveva residenza abituale a seguito di tali avvenimenti, non può o non vuole tornarvi per il timore di cui sopra”.

Il 4 dicembre 2000, per il cinquantesimo anniversario della Convezione di Ginevra, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha istituito il 20 giugno come Giornata Mondiale del Rifugiato con la risoluzione n. 55/76.

Per celebrare questa Giornata, sabato 24 giugno 2023 associazioni del territorio, laboratori, giochi e tanto altro ancora popoleranno  il piazzale Europa di Baia Flaminia a Pesaro per Agire l’accoglienza, iniziativa patrocinata dal Comune di Pesaro, ATS 1 e Provincia Pesaro Urbino e promossa da Labirinto cooperativa sociale con i progetti SAI Invictus, Pesaro accoglie, Senza Confini e Tandem, LABC, Festa dei Popoli e Caritas.

Durante il pomeriggio dalle 17.00 alle 21.00, si svolgeranno un laboratorio di lettura e attività manuali dedicate a bambine e bambini, poi ancora giochi di ruolo per giovani e adulti. Al termine delle attività si aprirà l’invito per un aperitivo condiviso Porta il tuo piatto tipico!, dove sarà possibile scoprire, gustando, i diversi paesi grazie sapori e peculiarità dei piatti tipici, il tutto accompagnato dalla musica tradizionale del gruppo Fatien. Non mancherà un momento per ricordare tutte le vittime delle migrazioni.
Le attività sono curate da La Rete 26 febbraio di Pesaro e Urbino, Comunità Ucraina Marche, Mondo solidale e Aisa.

L’iniziativa è aperta alla cittadinanza e a tutti coloro che desiderano confrontarsi e approfondire altre culture; l’ingresso è libero e gratuito.