il lavoro educativo con la disabilità oggetto di 5 nuovi “cantieri”.

 

I “Cantieri” – eventi formativi – raccolgono l’esperienza degli scorsi anni dei “Cantieri di Santa Aquilina” e si spostano quest’anno nella sede ENAIP di Rimini in via Valturio, tra Gennaio ed Aprile 2015. I moduli formativi nascono dal confronto tra un gruppo di operatori coordinati dal pedagogista Andrea Canevaro, che vede tra i suoi membri, fin dall’inizio, la cooperativa sociale Labirinto.  Sono organizzati in collaborazione tra l’Università degli studi di Bologna e l’Enaip “Zavatta” di Rimini. Gli studenti universitari possono accedervi gratuitamente, come laboratorio. Ecco gli eventi in programma:

  • Luca Pazzaglia: “L’accesso e la partecipazione di soggetti con disabilità alla cultura“.
  • Tatiana Matricardi: “Stimoli di base”.
  • Emanuela Cocever e Letizia Bianchi: “La costruzione di competenze di cura: “badanti” e Operatori Sociali“.
  • Francesco Lagari: “Dopo di noi: la proposta TRUST“.
  • Andrea Canevaro: “Mediatori“.

 

L’accesso e la partecipazione di soggetti con disabilità alla cultura

L’evento sarà condotto da Luca Pazzaglia. I temi dell’incontro:

  • Cultura ed educazione.
  • Osservare, documentare e riflettere.
  • Differenti culture che si incontrano (tra differenti professioni e storie, tra interno ed esterno…)
  • Creare narrazioni condivise e legami di senso.
  • La costruzione di un progetto artistico e culturale.
  • Progetti complessi che consentono differenti gradazione di partecipazione e differenti tipologie di contributi.
  • “Il bello” nell’educativo. – Proporre senza far leva sulle disabilità.  

Per ulteriori informazioni o per i dettagli scarica il file PDF.

 

Stimolare per conoscersi e conoscere. La stimolazione basale.

L’evento sarà condotto da Tamara Matricardi. I temi dell’incontro:

  •     la Stimolazione Basale: facilita o favorisce i processi di sviluppo in una persona plurihandicappata, offrendole una serie di esperienze percettive, attraverso oggetti e spazi mediatori.
  •     Stimolazione: E’ un impulso o una serie di impulsi dati alle persone plurihandicappate, che non sono in grado di cercare e fruire di tali impulsi nell’ambiente materiale e affettivo con cui interagiscono
  •     Basale: E’ l’aggettivo scelto per precisare che si tratta di impulsi elementari e fondamentali, proposti nella forma più semplice e incondizionata
  •     I nove obiettivi principali della stimolazione basale secondo Andrea Frohlich:
    1.    Mantenere la vita
    2.    Risentire la propria vita
    3.    Vivere e sperimentare la sicurezza e costruire la fiducia
    4.    Sviluppare il proprio ritmo
    5.    Fare esperienza con il mondo esterno
    6.    Entrare in  relazione e vivere l’incontro
    7.    Scoprire il senso e dare importanza
    8.    Dare forma alla propria vita
    9.    Vivere l’autonomia e la responsabilità

Per ulteriori informazioni o per i dettagli scarica il file PDF.

 

Il lavoro di cura: attività familiare, professionale, casuale; attività di tecnica , di invenzione, di costrizione.

L’evento sarà condotto da Letizia Bianche e Emanuela Cocever. I temi dell’incontro:

Una serie di incontri fra protagonisti di diverse situazioni di cura per nominare e discutere condizioni, motivazioni, modalità con cui l’attività si realizza nelle diverse condizioni. Per raccogliere e scambiarsi interessi, preoccupazioni,  sapere e saper fare,  alla ricerca di una rappresentazione non settoriale dell’attività. Con la aspirazione  anche di abbozzare una prospettiva formativa che tenga conto tanto dell’esperienza e della competenza grezza, quanto di conoscenze disciplinari, formalizzate. 

Per ulteriori informazioni o per i dettagli scarica il file PDF.

 

Dopo di noi. La proposta “trust”.

L’evento sarà condotto da Francesco Lagari. I temi dell’incontro:

Sono Trust istituiti per fornire assistenza ai soggetti deboli quali:
1. malati, minori o in tenera età; 


2. la cui incapacità è riconosciuta, in quanto sono interdetti, inabilitati o seguiti da un amministratore di sostegno;


3. la cui incapacità  non è riconosciuta ma sono dediti all’alcol o tossicodipendenti, prodighi o affetti da instabilità comportamentale. 

Per ulteriori informazioni o per i dettagli scarica il file PDF.

 

Mediatori.

L’evento sarà condotto da Andrea Canevaro. I temi dell’incontro:

–    Arlecchino servo di due padroni, ovvero: un mediatore che distrugge, credendo di costruire.
–    Un oggetto può nasconderne un altro. Nel bene. E nel nale.
–    Il bricolage, ovvero l’utilizzo di quello che c’è intorno a noi, di quello che troviamo per risolvere dei problemi, non basandosi unicamente sulla specializzazione degli strumenti quanto sulla specializzazione dei nostri adattamenti di strumenti non nati per una certa finalità.

…………..

Per ulteriori informazioni o per i dettagli scarica il file PDF.