Il 26 e 27 novembre a Urbania, dibattiti, conferenze, installazioni, video, mostre fotografiche, spettacoli e presentazioni, sulle tematiche del teatro in carcere, immigrazione e accoglienza ai richiedenti asilo.

Anche quest’anno Labirinto sostiene “I Teatri della diversità”. L’iniziativa si terrà a Urbania, nei giorni 26 e 27 novembre e, attraverso dibattiti, conferenze, installazioni, video, mostre fotografiche, spettacoli e presentazioni, tratterà tematiche quali il teatro in carcere, l’immigrazione e l’accoglienza ai richiedenti asilo.

E’ in programma per sabato 26 e domenica 27 novembre a Urbania l’ormai tradizionale incontro che vede affluire da tutta Italia e dall’estero nel nostro territorio i protagonisti delle attività teatrali che nascono e si sviluppano in contesti di disagio. Per due giorni il piccolo centro sull’alto corso del Metauro ospiterà “I teatri della diversità”, con dibattiti, conferenze, installazioni, proiezioni video, mostre fotografiche, spettacoli teatrali e di burattini, presentazioni editoriali, con particolare attenzione a tematiche quali il teatro in carcere, l’immigrazione e l’accoglienza ai richiedenti asilo.

L’evento, giunto alla XVII edizione, è sostenuto da un nutrito gruppo di enti tra cui il Ministero della Giustizia e quello dei Beni e Attività Culturali e Turismo, ed è promosso dal Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere e dall’associazione culturale Aenigma di Urbino, che da oltre 20 anni svolge attività teatrali presso il Centro Socio Educativo “Margherita” di Casinina, gestito da Labirinto, i cui utenti hanno costituito la compagnia “Volo libero” ed hanno portato in scena numerosi lavori.

Accanto all’evento principale di Urbania, sono previsti diversi eventi collaterali in altre località della provincia: due di essi, in programma il 21 e il 28 novembre, sono riservati alla popolazione carceraria e si svolgono presso la casa circondariale di Pesaro. Da molti anni il lavoro teatrale dei detenuti di Pesaro viene condiviso con i ragazzi della Scuola media Galilei di Villa Fastiggi, presso il cui auditorium il 24 novembre alle ore 17,30 si svolgerà l’incontro “L’avventura di Martin Bresler” con il drammaturga argentino Alejandro Finzi, gli attori-detenuti della “Compagnia dello spacco” del carcere di Pesaro e i ragazzi della III B dell’anno scolastico 2015-2016 della scuola Galilei.

Infine, giovedì 24 novembre alle ore 21,00 a Urbino, nella sala teatrale del Collegio Universitario “La Vela”, verrà presentato “Esodo – Il mondo di domani. La condizione dei migranti per un richiamo simbolico alla ricerca di nuove progettualità dell’esistenza”: un laboratorio teatrale condotto da Francesco Gigliotti.

Per le iscrizioni, è possibile consultare le istruzioni riportate nella brochure.

Scarica il programma del convegno

Scarica il programma degli eventi collaterali